Cerca


Siamo un’Associazione Sportiva Dilettantistica riconosciuta dal Coni con oltre 40 anni di storia.

Dal 1971 la Azzurri Niguardese Basket è aperta a chiunque voglia entrare in Società, per dare una mano.

Giochiamo in quattro palestre: Liceo Russell, scuole di via Thomas Mann, scuole di via Cesari, scuole di via Pianell.

Coinvolgiamo complessivamente 800 giovani dai 6 anni in su, con le rispettive famiglie.

Portiamo 300 atleti ai campionati federali, con 20 nostre squadre a rappresentarci.

Siamo presenti in circa 50 classi delle scuole elementari del quartiere, alle quali proponiamo corsi di Minibasket durante l’orario scolastico.

Abbiamo 25 allenatori qualificati dalla Federazione Italiana Pallacanestro, tra i quali Istruttori specializzati nel Minibasket. Li selezioniamo attentamente, li seguiamo nella loro crescita tecnica, li formiamo durante tutta la stagione, monitoriamo la qualità del loro rapporto con i giocatori.

Contiamo più di 30 dirigenti, che operano tassativamente gratis; ci mettono a disposizione la loro professionalità in ambiti specifici: dall’amministrazione societaria all’assistenza alle singole squadre; dalla manutenzione delle strutture di gioco alla comunicazione.

La nostra “filosofia”

Il Basket è bello e costituisce un momento di incontro stimolante e divertente; è uno strumento, mediante il quale i ragazzi dei quartieri hanno la possibilità di incontrarsi, conoscersi, confrontarsi, crescere in un ambiente sportivamente impegnativo ma, comunque, ludico.

Da noi c’è posto per tutti, indipendentemente dalla nazionalità o dalle capacità di base, a condizione che ci siano impegno, lealtà, rispetto, voglia di giocare. Non è rilevante essere portati per il basket, anche se aiuta.

La proposta sportiva è strutturata: prevede un piano di allenamento coordinato tra tutte le squadre, che viene consegnato ai giocatori ad inizio stagione; prevede lavoro serio, duro, impegnativo e costante, con alla base lealtà e rispetto per avversari, compagni e strutture. Si gioca per vincere ed anche per imparare a perdere.

Non abbiamo l’obiettivo di arrivare in serie A e non cerchiamo sponsor per questo; facciamo il massimo possibile, con i “nostri” giocatori, che ci porteranno là dove arrivano le loro capacità.

Non compriamo giocatori né li vendiamo, perché siamo convinti che ciascuno deve essere libero di andare a GIOCARE dove preferisce, senza che le Società glielo impediscano.

Non paghiamo i giocatori; anzi, sono loro che partecipano alle spese, pagando una contenuta quota annuale, solo grazie alla quale riusciamo a coprire parte delle spese.